Nu carrettielo turnava d’o mercato
Chin’e frutt’e verdura in quantità.
O spazio era piuttosto limitato,
steva tutto stipato, in verità!

Durant’o viaggio, pe’ passar’o tiempo
Quaccuno se mettett’a chiacchiera’ :
“ Piacere, songo ‘na noce di Sorrento,
c’è nisciuno ca sa’ dove si và?”

“Penso ca stamu jennu nna putìa
d’o fruttarolo ca nni metterà
a cu nu vanchiteddu, a cu na bunìa
ca poi veni o cliente p’accatta’”.

“Ma come parla male quel limone”
dicette a mela ch’era tirolese,
“è proprio giusto far la secessione,
che ognuno resti dentro al suo paese!”.

“Sono d’accordo – rispunnett’a fragolina
nata nei boschi della Val di Non –
“anch’io che come te sono trentina,
non li sopporto più questi terròn!”.

Figurati che ho un’onta nel casato…
Una cugina ahimè, nata a Ribera…..
Buon sangue tra di noi non c’è mai stato,
sempre l’ho vista come una straniera!”

“ Giacchè avete toccato l’argomento”
O radicchio trevigiano se scaldaje,
“permettetemi di fare un mio commento:
certe lattughe vanno cercando i guai!”.

“ E ci ha ragione”- aggiunse la rughetta
addrizzannose nu poc’ o ricciulillo –
“ a cchiù prepotente ccà, datemi retta
è chella, ca me fa veni’ o sturzillo!”.
.
Tra le insalate fu un coro generale :
“ E’ overo, sta parlanno d’a romana,
che esendo nata nella capitale,
su tutti vuole fare la padrona!”
A questo punto un kiwi s’intromise :
“Io so’ straniero e nun saccio e fatte vuoste”
E guardannol’a tutti si permise
“ Ma vuie vulit’a guerr’a tutti i costi!!!”.

“Tu statte sitto, extracomunitario,
ca cu ‘sta scusa ca tieni e vitamine,
si ce mettimmo a fare l’inventario,
lievi o lavoro a arance e mandarine!”.

L’atmosfera s’era fatt’assai rovente,
pure o cchiù acerbo steva pe’ matura’
cu chella discussione delirante
sull’importanza d’a diversità!

“E insomma, calma!” Alluccaje a patata,
“ E che manere songo chesti ccà ?
Sentimmo l’opinione spassionata
E chi cu nuie nun tene nient’ a fa’!”

Vutàjeno tutte l’uocchie su Ciccino,
o cane ca viaggiav’int’o carretto,
e si godev’o sole d’o matino
pure se miez’a frutta steva stretto.

“ I’ mò nun vogli’offendere nisciuno”
dicette calmo fernenn’e sbadiglia’,
“non farò tuort’ all’altro e manco all’uno,
contate sulla mia imparzialità!”

E ruotann’o sguard’attorno, la bestiola,
chiamata a giudicare….giudicò!
“ Rispondo a tutti in una volta sola………”
Aizaje ‘na cuscitella e li pisciò!!!



home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi