Guagio’, vulimmo parla’ sinceramente
dicenno tutta quant’a verità?
Tra gli scienziati ce sta tanta ggente
ca se ne fotte dell’umanità

Pe’ cchesto, int’a stu campo delicato,
a primma cosa ca s’avessa fa’
è “ a classificazione d’o scienziato
in bas’o grado e pericolosità”!

O peggio e tutti è certo l’invasato…
Chilo che a nomme d’a ricerca pura,
pe’ dimostra’ a se stesso ch’è scienziata,
jett’a morale dint’a spazzatura!

Purtroppo è nu pazzo intelligente,
convinto ca p’a scienza nu studioso,
nun s’adda ferma’ mai, annanz’a niente…
e chest’o rende assai pericoloso!!

N’ato bell’esemplare è “o ‘mbruglione”…
Ato ca pazzo! E’ furbo e ‘ntelligente!
Nun tene scrupoli, è nu mascalzone
ca fa a speculazione cchiù fetente!

Ccà o danno per lo meno è limitato
pecchè, sfruttanno e necessità d’a ggente,
o campo e ricerca e stu scienziato,
sta sulo int’a sacchetta d’o paziente!

E infine ce sta n’ato soggetto,
che appartiene a ‘na specie in estinzione,
studioso serio, abile, corretto,
impegnato co’ competenza e co’ passione.

Sempe temuto ( e pure assai invidiato )
pe’ cchesti belli soie capacità,
viene costantemente ostacolato…
nunn o mettono in condizion’e lavura’!

Sti ccose però e ssapimmo tutte quante…
e allora mò spiegateme nu fatto :
comm’è ca l’organisme competente
scagliono semp’ o tipo meno adatto?!

So’ e soldi? A politica? O potere
Ca pure ccà dinto vonno guverna’?
…Stammoce accorti, pecchè va a fernire
ca currimmo tutti o rischio e ce ‘nguaia’!

Pecciò guaglio’, nell’interesse umano,
primm’e cerca’ e geni int’o genomma,
comm’a Diogene c’a lanterna ‘mmano,
sentite a mme, jamm’ a cerca’ l’ommo!



home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi