Sia gloria al Padre, sia lode a te Signore,
stasera tengo voglia e te parla’!
Sient’o bisogno d’arapirm’o core
E pe’ ‘na vota senza dumanna’!

Guardann’o cielo, vers’all’imbrunire,
t’aggio truvato dint’a quei colori,
dint’o juorno ca steva pe’ fernire,
dint’a nu battito d’ali, dint’ai fiori!

L’anem’allora s’è riempit’e gioia,
o pietto steva quasi pe’ scoppia’!
Hai cancellat’e colpo tutt’a noia
d’un’esistenza spesa a fatica’!

E cu pensiere i’ t’ aggio raggiunto,
‘ngopp’ o cielo, nell’aria attuorn’a me,
e t’ho riconosciuto fin’o punto
che ho aperto l’uocchie e mò te so verè.

Chesta preghiera, mioSignore Iddio,
o ssaccio ca nunn è tradizionale,
non l’ho studiata, l’ho inventata io
e scusa se o ttalian’o pparlo male!

Ma o linguaggio e sentimenti tu o comprendi,
ne songo certo, pecciò te sto a parla’,
pecchè pure si sbaglio tu m’intendi
e o ssai ca oggi ti voglio ringrazia’!

Io ti ringrazio pe’ tutti quei momenti
che mi hai aiutato senz’e te fa’ vere’,
che hai alleviato nu poco i miei tormenti
e io stevo meglio senza sape’ pecchè!

Io ti ringrazio pe’ quanno so’ caduto,
e a int’o scarrubbo ‘na mano m’ha levato,
in quel momento non t’ho ricanusciuto,
e ho pensato ch’ero stato fortunato!

Io ti ringrazio pe’ chillu buon dottore,
che o mes’e luglio di duie anne fà,
pe’ caso se truvav’int’o spetale
quanno c’era mio figlio a sutura’.


Io ti ringrazio pe’ chello ca nun saccio
pe’ tutt’o mmale ca tu m’hai scanzato,
p’o guaio che al vol’hai preso dint’o laccio
tanto ca manc’a port’è mai arrivato.

Quante combinazioni fortunate!
Pe’ quanti ccose t’aggia ringrazia’!
In tutti questi anni che ho campato
ce stevi sempe tu a me v eglia’!

E grazie pure p’e preoccupazioni,
pe’ tutte quante le difficoltà,
te songo grato anche p’e lezioni
che coi dolori m’hai voluto da’!

Per esserti nascosto dint’ a ggente,
ca sempe m’è venut’a cunzula’,
p’avere dimorato dint’a mente
e dint’o core di mammà e papà

pe’ sta famiglia che m’hai regalato
e che oggi è tutt’a mia felicità
p’a salute, che nun ci hai mai negato…
pe’ tutto chesto te voglio ringrazia’!

Ma soprattutto, mio Signore Iddio,
songo cuntento e te ringrazia’
p’avermi fatto accussì comme song’io,
cu tutt’e mie miserie e nobiltà…

Cu nu poco d’ignoranz’e presunzione,
c’a furia della mia impulsività
c’a debolezza nella tentazione,
coll’altruismo e a generosità.

O ssaccio, mio buon Dio ca so’ imperfetto,
ma ‘sta preghiera, che è quasi ‘na poesia,
stasera m’è asciut’a dint’o pietto…
Accettala Signore

E così sia!



home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi