Né, marche’, ve sto chiammanno
Ma che r’è, nun m’ascoltate?
Io pe’ vuie sto faticanno,
pure si me trascurate!

Ne ajmmo viste delle belle
mio Signo’,v’ allicurdate?
Wisky e soda e guagliuncelle,
juorne belle e fortunate!

Certi vvote jeva stuorto
E chell’erano mazzate!
Arrivavo quasi muorto
Quano vuie v’ incazzavate!

V’aggia fa’ ‘na confidenza :
Nunn’è stata ‘na passìata
Starvi appresso, mia Eccellenza,
ma ‘na vera faticata!!

Mò però simm’arrivate,
vuie v’avita rassegna’,
si ve date ‘na calmata
io ve pozzo fa’ campa’!

Vuie o ssapite, songo stato
Vostro fido servitore….
Vuie m’avite maltrattato….
Ma non porto alcun rancore|

Però v’aggia dumanna’,
umilmente, bel Signore,
nun me fate affatica’!

Con rispetto…
Il vostro cuore!


home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi