Versione Napoletana


Mio caro babbo, mia adorata mamma,
‘sti quattro righe ca ve sto scrivendo
m’e dett’ o sentimento ca me ‘nfiamma…..
e chello ca vuo’ dicere io l’intendo!

In funn’o core, cu nu fil’e voce,
int’a ‘stu juorno proprio straordinario,
sussurra chiano chiao, doce doce,
“Auguri per il vostro anniversario!”

Comm’a ‘na pium’allor’o mio penziere
Ondeggia ‘ngopp’a ‘n alito di vento…..
Naviga, comme fusse nu veliero,
si spande in alto, dint’o firmamento!

E in questo dolce suo vagabondare
Joca co’ rilogio e l’esistenza…....
Ritorn’arete, e poi si va a fermare
Int’o ppasato, cercanno ‘na presenza

E ccà ritrova, n’o meglio d’o vigore,
nu giuvinotto magro e intraprendente,
destinat’a diventa’ nu gran signore,
grazie a soia mente svegli’e ‘ntelligente!

Accant’a isso,cu vestit’e sposa
C’è ‘na guagliona ch’è ‘na meraviglia:
e ccarne toste e duie guance rosa…
e tutta napule è a cchiù bella figlia!!!

Simm’o Settembre d’o quarantasette
E Nino e Flora, benedett’a Dio,
formaron’a famiglia ca nascette…
e a ‘sta famiglia ci appartengo anch’io!

Che vita agiata e che senz’e sicurezza
A nuie creature ce riusciv’a da’
‘na mamma chin’e ordin’e dolcezza
e nu pate ca sapeva cumanna’!

Ce steva sempe tutto int’a dispensa…
Senza sape’ da dov’o in che manera,
arrivav’o bben’e Dio a nuosta mensa…
stavamo bbuono d’a matin’a sera!!!

E chelli feste, poi, i ricevimenti…
Comm’era bella mamma e che eleganza!
Nui figli ce sentevamo ‘mpurtanti
D’ave’ nu pate co chella putenza!

Ma o giro suio o rilogio l’adda fa’…
e a poco a poco tutto va’ cagnanno…
S’appresentano l’acciacchi dell’età,
s’accummencia a fa’ vere’ qualche malanno...

E mmane c’astregnevano sicure…
Mò so’ nu poco incerte, titubanti…
Affacci’a neve miez’e chiome scure…
E passi se so’ fatti cchiù pesanti…

E che…me ‘mporta…io song’ancora sano,
mia dolce mamma e o ssai chello ca faccio?
Finchè hai potuto tu m’hai dat’a mano
E oggi ca puozzo io te dong’o bbraccio!

E in quanto a te, ca ci hai semp’avuto ,
dint’o core mio tanta ‘mpurtanza,
ringrazio a Dio che nun t’ha mai vuluto
pe’ tutt’e vvote ca ci sì ghiut’annanze!!

Mò ca ve curo comm’a duie ninnilli,
nutro pe’ vuie nu bbene sconfinato,
dint’ogni filo bbianco dei capilli
ce sta nu vaso che ancora nun v’ho dato!

Pe’ cchest’o ver’ augurio oggi è per me…
Ca puozza sta’ cu vuie cent’anne ancora!
Finchè chest’uocchie mie ponno vere’…
Amore v’aggia da’...

______________CO’ TUTT’ O CORE!

Versione italiana


Mio caro babbo, mia adorata mamma,
queste poche righe che vi sto scrivendo
me le detta il sentimento che mi infiamma...
e quello che vuol dire io l’ intendo.|

In fondo al cuore, con un fil di voce,
in questo giorno tanto straordinario,
sussurra piano, piano, dolce , dolce:
“Auguri per il vostro anniversario”

Come una piuma alora il mio pensiero
Ondeggia sopra un alito di vento,
naviga, come fosse un veliero,
si spinge in alto, sopra il firmamento!

E in questo dolce suo vagabondare
Gioca con l’orologio dell’esistenza…
Torna in dietro e poi si va a fermare
Nel passato, cercando una presenza.

E qua ritrova, nel suo pieno vigore,
un giovanotto magro ed intraprendente,
destinato a diventare un gran signore,
grazie alla mente sveglia ed intelligente!

Accanto a lui, in abito da sposa,
c’è una ragazza che è una meraviglia:
giovane…bella….con due guance rosa…
di tutta Napoli è la più bella figlia!

Siamo al Settembre del quarantasette
E Nino e Flora, benedetti da Dio,
formarono una famiglia nuova
e a questa famiglia ci appartengo anch’io!

Che vita agiata e che senso di sicurezza
A noi bambini riusciva a dare
Una mamma piena d’ordine e dolcezza
Ed un padre che sapeva comandare!

C’era sempre tutto nella dispensa,
senza saper da dove o in che maniera,
arrivava il ben di Dio alla nostra mensa…
stavamo bene da mattina a sera!!!

E quelle feste, poi, i ricevimenti…
Com’era bella mamma e che eleganza!
Noi figli ci sentivamo importanti
Di avere un padre con quella potenza!

Ma il giro suo l’orologio deve farlo
E a poco a poco tutto va’ cambiando…
Si presentano gli acciacchi dell’età…
Si comincia a far veder qualche malanno…

Le mani che stringevano sicure…
Son diventate incerte…titubanti…
Compare la neve tra le chiome scure...
I passi si son fatti più pesanti…

E che m’importa, io sono ancora sano,
mia dolce mamma e sai quello che faccio?
Finchè hai potuto tu mi hai dato la mano
E oggi che posso son io che ti do il braccio!

E in quanto a te, che hai sempre avuto
Dentro il cuore mio tanta importanza,
ringrazio Dio che non ti ha mai voluto
tutte le volte che gli sei andato innanzi!

Ora che vi curo come due fanciulli,
nutro per voi un bene sconfinato,
dentro ogni filo bianco dei capelli
riposa un bacio che ancora non vi ho dato!

Per questo il vero augurio oggi è per me:
che posa star con voi cent’anni ancora!
Finchè questi occhi miei possono veder
Amor vi voglio dar...

______________CON TUTTO IL CUORE!


home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi