‘Sta lettera la scrivo a te, figliolo
pecchè sient’ o bisogn’e me sfuga’
e aggiu truvato ‘stu sistema sulo
pe’ finalmente te pute’ parla’!

Pure si mò te veco grande e grosso
e hai già finito l’università,
in funn’ o core e aret’a ‘stu colosso,
a criaturella mia sempe ce sta!

Ma t’ allicuordi e noste camminate?
E passeggiate ca te facevo fa’?
Stavamo ‘nziemme intere matinate,
nisciuno ce puteva separa’!

E tutte l’ansie, tutt’e toie paure
E ccancellavi quanno me mettive
Dint’e mmane mie, fort’e sicure,
chella manella toia…e m’astregnevi.

Mò nun me parli cchiù dei tuoi problemi…
Fra nuie s’è ajzato nu muro di pudore…
Chiacchieramm’e sciocchezze, comm’e sciemi,
nun ce scagnammo cchiù gioie e dulori…

Io nunn’o ssaccio chello ca è capitato…
Senza volerlo, juorno doppo juorno
o nuosto bel rapporto s’è cagnato
e mò a baciarti quasi me metto scuorno!

Però stasera voglio fa’ ‘na prova…
‘ngopp’o cuscino te lasso stu biglietto…
si o leggi bbuono miez’e rrighe trovi
tutto l’immenso amore che ci metto

se, come penso, bastava ‘na parola,
allora vieni pur’a me sceta’
e a mano dint’a mano astregn’ ancora….
Te voglio bbene, figlio,
Il tuo papà.




home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi