Tengo ‘na figlia ch’è ‘na perla rara,
profuma e rosa, addor’ e gioventù.
Avesseva sape’ quanto m’è cara,
è bella e tiene tutte le virtù.

Appiccia o core cu nu soio sorriso
c’a soia parlata semplice e sincera,
‘mpietto tiene nu piezz’ e paraviso,
è megli’e na jurnat’ e primmavera!

Ma quann’ un penziero la tortura
diventa un temporale, n’ uragano,
un’ impetuosa forza d’a natura…..
e allora è meglio ca le stai luntano!

Io a lasso fa’ e aspetto ca le passa,
c’a rabbia e a delusione vanno via,
ca scumpare pur’ a nuvola cchiù bassa
e allora torn’ a piccerella mia.

Fresca comm’ a ‘na foglia ca s’arape,
limpida comm’ ammore senz’ età,
guardannol’ int’ a ‘lluocchie ognun’ o ssape
ca ‘n’ ata megli’ o munno nun ce sta!


home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi