Dint’ a sacchetta tengo nu tesoro :
pellicce, pietre preziose, argenti, oro…
e pure quanno nun teng’e che magna’
i’ so’ cchiù ricco che nu maragià!

E brillanti song’e tuie vasilli,
e smeraldi so’ invece e surrisielle,
l’abbracci tuie so’ cchiù caldi e nu visone…
me coprono quann’è a brutta stagione!

Fresche gocce e rugiada profumata,
unguento ca rend’a pelle vellutata,
song’ e llagreme tuie quanno me cerchi…
e cu ‘sta pioggia dall’afa mi rinfreschi!

O tuio respiro me corre dint’e vene
E i’ campo pecchè so ca me vuoi bbene.
In conclusione, è chiaro, come vedi…
Ca sì a ricchezza mia, caro Manfredi!


home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi