Versione Napoletana


Spesso me songo chiesto, a verità,
quanno sento parla’ e stu soggetto,
“ma comme campa chistu tipo ccà
ca p’o prossimo soio nun ci ha rispetto?”

Certo è nu serpe, striscia e puzza assai,
ovunque passa lascia il suo fetore,
e colpe proprie nunn ‘e guarda mai,
e penz’ e fatt’ e ll ’ati a tutte l’ore!

Quanno in segreto scrive il suo biglietto,
( co’ ll’ alibi d’o moralizzatore) ,
vomita ‘nfamia ‘ngopp’a quel foglietto,
jett’o vveleno ca tene dint’o core!

“ Piezz’e fetente! Ma comme nun capisci
ca tu sì peggio e chillu ca condanni?
Stamm’a senti’, è meglio che a fernisci,
e cumbina’ sti guai, e fa’ ‘sti danni!

Se scrivi o falso, per invidia pura,
tu sì capace e fare dubbita’!
O puveriello se mett’ appura
ca mai nisciuno cchiù lo credarrà

Se scrivi o vero? E sì cchiù peggio assaie!
Ma chi te creri tu pe’ giudica’?
Pe’ chesto ce sta Dio…ch’è, nunn’o sai
Ca pure tu nu juorno l’haia ‘ncuntra’?

E che lle dici? “Mio Signore Iddio,
chisto ha rubato, chell’at’ ha tradito…
è overo, mio Signo’, l’ho fatto anch’io,
ma in terra a Vuie me so’ sostituito!

Aret’ e spall’e ll’ate aggiu parlato
e ho pure scritto… aggiu scritto nu sacco!
E comme fussi Vuie ho condannato…
Ma sul’ arete, pecchè so’ vigliacco!”

“Te sì sbagliato, nun sì o Paterno,
dirà o Signore rispunnenn’a tono,
e adesso io te mann’int’all’inferno,
pecchè p’ a colpa tuia nun c’è perdono!

Chiunque a nomme mio osa parlare,
senza la giusta carità e virtù,
comm’ a Lucifero l’aggia giudicare…
e mò vattene…ccà nun te voglio cchiù!”.

Versione italiana


Spesso mi son chiesto, in verità,
quando si parla di questo soggetto,
“Ma come vive questo tipo qua
che per il prossimo non ha alcun rispetto?”.

Certo è un serpente, striscia e puzza assai,
ovunque passa lascia il suo fetore,
le proprie colpe non le guarda mai
e pensa ai fatti degli altri a tutte le ore!

Quando in segreto scrive il suo biglietto,
con l’ alibi del moralizzatore,
vomita infamia sopra quel foglietto,
butta il veleno che tiene dentro il cuore…

“PEZZO DI FETENTE! Ma come non capisci
che tu sei peggio di quello che condanni?!
Stammi a sentire, è meglio che la finisci
Di combinare guai, di fare danni!

Se scrivi il falso, per invidia pura,
tu sei capace di fare dubitare…
la tua vittima nutre la paura
che mai nessuno più gli crederà!

Se scrivi il vero…e sei peggiore assai…
Ma chi ti credi tu per giudicare?
Per questo ci sta Dio, ma non lo sai
Che pure tu lo dovrai incontrar?

Che gli dirai?..”Mio Signore Iddio,
questo ha rubato…quell’altro ha tradito…
è vero, mio Signor, l’ho fatto anch’io,
ma in terra a voi mi son sostituito!

Dietro le spalle degli altri ho parlato…
E ho pure scritto,anzi ho stritto un sacco…
E come fossi Dio, ho condannato…
Ma sempre da dietro…perché son vigliacco!!!”

“ Ti sei sbagliato, non sei il Padreterno,
- dirà il Signore rispondendo a tono –
e adesso Io ti mando nell’inferno,
perché per la colpa tua non c’è perdono!

Chiunque in nome mio osa parlare,
senza la giusta carità e virtù,
come Lucifero lo devo giudicare…
ed ora VATTENE!… Qua non ti voglio più!”.



home | l'Autrice | Poesie | le Raccolte | scrivimi